Se pensiamo all’olio evo di alta qualità pensiamo a un prodotto capace di coniugare immaginari antichi e tecniche all’avanguardia, scenari tradizionali e innovative sperimentazioni.

Sulla scia di tali accoppiate abbiamo deciso di ascoltare la voce di una mamma-blogger: allo stesso tempo, quindi, una figura senza tempo nell’ordine naturale e sociale del mondo, che però ha scelto di intraprendere con successo una strada professionale contemporanea e al passo con le urgenze del momento.

Ida Galati è oggi un’affermata influencer: una professione di ultima generazione che deve fare quotidianamente i conti con ritmi frenetici, vita sociale dinamica e, in molti casi, frequenti spostamenti e viaggi. Con lei tocchiamo temi prettamente materni associati a note, meccanismi e “trucchi” lavorativi, che destano certamente forte curiosità.

L’olio d’oliva è ritenuto indispensabile nell’alimentazione dei bambini e andrebbe introdotto sin dalle primissime fasi dello svezzamento. Da mamma, concordi? Perché?

Concordo, perché è l’unico condimento che uso da sempre e so che nelle quantità giuste comporta una serie di fattori benefici per l’organismo. Mi piace e ci piace amaro, fruttato e leggermente piccante, per questo lo acquisto da sempre nella mia amata Calabria, spesso direttamente dai contadini: il loro olio è speciale.

Una ricetta con olio evo per il tuo bambino, magari sfiziosa, colorata e veloce da realizzare?

Da imprenditrice frenetica quale sono, ammetto di stare troppo poco in casa!

Nonostante viva a Roma da 20 anni ormai, non dimentico mai le mie origini e ho sempre a cuore una delle merende speciali della mia infanzia, che rappresenta anche la più veloce ricetta del mondo: pane e olio! Devo dirti che sto molto attenta alla nostra alimentazione, quindi quando gli propongo questa opzione usciamo a comprare il pane fresco, che deve essere rigorosamente integrale e croccante, lo condiamo con il nostro olio e poi decidiamo come arricchirlo. I suoi ingredienti preferiti sono le noci, l’avocado o la cioccolata fondente, con un pizzico di sale.

Ritmi frenetici, set fotografici, sfilate, interviste, vita social da coltivare con costanza: quanto conta la velocità in cucina e quanto, in questa direzione, sono importanti le materie prime di qualità a garanzia della salute del tuo piccolo?

Tantissimo! Ecco perché, come ti dicevo, non badiamo a spese per l’olio, così come per le farine bio (alle farine rischiamo di diventare tutti intolleranti, per quanto sono raffinate). Il sabato, quando posso, mi piace fare un giro in un mercato rionale speciale, dove vado sempre alla ricerca dei miei contadini: è l’unica cosa che mi fa pensare di scegliere coltivazioni non inquinate. La maggior parte delle volte ammetto però di non averne il tempo e allora in quei casi testiamo i supermercati bio, con la speranza che le certificazioni ci salvino e ci facciano fare le scelte più appropriate.

Nelle scelte, inoltre, mi faccio guidare dalla mia nutrizionista: grazie a lei ho perso sei chili, ho insegnato a tutta la mia famiglia a mangiare bene e a scegliere i prodotti giusti. Ho capito anche come soddisfare la voglia di dolci (che piacciono a tutti i membri della mia famiglia), scegliendo quelli che non ci fanno male.

Olio evo e bellezza femminile: non solo elisir di salute a tavola, quindi, ma anche prezioso alleato nella cosmesi e della cura per il corpo. Ci sono prodotti a base di olio evo che consiglieresti?

Io utilizzo prodotti a base di olio sia per il corpo, sia per i capelli. Per il corpo mi trovo benissimo con la crema a base d’olio evo, per i capelli faccio degli impacchi una volta ogni due settimane con una maschera contenente olio di avocado, estratto di limone e, per l’appunto, olio di oliva.

Far conoscere ai più piccoli le eccellenze agroalimentari. Come farli avvicinare a una simile disciplina, mantenendo leggerezza e divertimento?

Con gite fuori porta nelle fattorie! Mio figlio a 3 anni conosce già da un po’ (e molto da vicino) le mucche. Per fortuna scuola, mostre e libri interattivi sensibilizzano molto i ragazzi su questo tema e io ne approfitto sempre.

Perché dare la preferenza all’extravergine di oliva rispetto ad altri oli vegetali?

Non sono una nutrizionista, quindi non conosco a fondo le sue proprietà, ti direi quindi sicuramente per il suo gusto ineguagliabile e per la sua versatilità: rispetto agli altri oli si conserva meglio e si può utilizzare sia per cucinare, che per friggere, che a crudo!

Un post dedicato all’olio evo. Cosa scriveresti? Quale immagine allegheresti?

Scriverei della mia terra, della mia infanzia, del pensiero che ha sempre mia madre nei nostri confronti quando ci chiede se ne abbiamo ancora a sufficienza o se ne deve ordinare un altro po’. L’immagine sarebbe senz’altro legata alla terra e alla famiglia, all’amore protettivo.