Alla scoperta dei territori di produzione dell’olio a denominazione d’origine, ecco i luoghi che non potete perdere nel vostro tour della meravigliosa Sicilia Orientale.

Siracusa

Cominciamo da Siracusa, nella Sicilia sudorientale. Nominandola, prima di tutto, non si può non pensare al teatro greco, sito archeologico, ma anche vero e proprio teatro ancora oggi: da inizio maggio a circa metà luglio, infatti, le più belle commedie e tragedie della letteratura greca vanno in scena qui.

Con l’avvento del cristianesimo sull’isola di Ortigia, centro antico della città, fu costruita la cattedrale della Natività di Maria Santissima, incorporando quello che era il tempio dedicato ad Atena (Minerva).

Un’altra cosa da fare in provincia di Siracusa? Assaggiare una fetta di pane tostato con un filo d’Olio Monti Iblei DOP a crudo… una vera bontà locale!

Catania

Esploriamo i dintorni di Catania: ricordiamo Caltagirone, la Città della Ceramica e dei Presepi, mentre i golosi non devono perdersi Maletto, con le sue fragole, e Bronte, la celebre Città del pistacchio. Continuando a costeggiare le pendici dell’Etna, dove viene prodotto l’Olio Monte Etna DOP, troviamo anche Paternò con il Castello Normanno di grande interesse storico e artistico e Zafferana con la sua “Ottobrata”, il famoso evento che ha luogo tutte le domeniche di ottobre: una grande fiera con stand, spettacoli e una parte dedicata allo street food.

Sull’Etna si possono visitare le grotte, camminare sul bordo dei crateri, sfidare le vertigini al parco “EtnAvventura” e godere di incredibili panorami. E Catania dista veramente poco. Infine, ecco Acireale, Aci Trezza ed Aci Castello, tre cittadine di mare: la prima con la Riserva Naturale Orientata La Timpa e il suo famoso itinerario di trekking “Le Chiazzette”, Aci Trezza, patria di Giovanni Verga (nonché ambientazione de “I Malavoglia”) con i suoi leggendari faraglioni e l’ultima con il Castello di Aci, di origine bizantina.

Messina

Infine, proprio sulla punta della Sicilia nordorientale, incontriamo Messina, la provincia siciliana più vicina allo “stivale”.
Ad est, numerosi comuni costieri marittimi: Giardini Naxos, Letojanni, Sant’Alessio Siculo, Santa Teresa di Riva, Roccalumera, Nizza di Sicilia… caratteristici paesi con splendide spiagge dall’acqua cristallina e, inutile specificarlo, dell’ottimo pesce! Specialmente se condito con un filo d’Olio Valdemone DOP, prodotto nella provincia di Messina.
E come non nominare Taormina: meta tanto ambita da turisti e VIP, è situata a 206 metri di altezza sul livello del mare, su una terrazza del monte Tauro. Taormina è un incrocio di innumerevoli culture, non solo antiche come quella romana e quella normanna: anche oggi, tra le sue vie, si mescolano centinaia di persone provenienti da ogni parte del mondo per visitarla. E basta prendere la funivia per scendere sulla spiaggia, di fronte all’incantevole Isola Bella, collegata alla costa da un sottile lembo di terra attraversabile in estate. Sia Taormina, sia l’Isola Bella sono in lista per diventare siti UNESCO, Patrimonio dell’Umanità.

Concludiamo il giro con l’arcipelago delle Eolie: raggiungibili via mare da Milazzo, sono un’oasi in cui godere di paesaggi unici, mare, ottima cucina, persone calorose e… divertimento! Lipari, Vulcano e Panarea sono tra le isole più gettonate, ma i più fortunati riescono a visitarle tutte, comprese Salina, Alicudi e Filicudi.